BENEDICIAMO DI ESSERE BENEDETTI -Maria santissima Madre di Dio – don Anthony

Alcuni anni dopo il Concilio di Nicea ha definito la divinità di Cristo rispetto ad essere consustanziale con Dio Padre Onnipotente (contro arianesimo), il Concilio di Efeso ha anche chiarito che Maria è la madre di Gesù Cristo, che è Dio e l’uomo (contro Nestorianesimo). Così, nell’ottava del Natale, al culmine della nostra celebrazione di Dio che diventa umano per renderci partecipi della sua vita divina, entriamo sempre più nel mistero. Uno di noi è chiamato la madre del Verbo incarnato, per mostrare veramente che Dio è uno di noi. Infatti, se Dio è per noi, chi può essere contro di noi? (Rom 8, 31).

Il Vangelo ci dice che Maria ha conservato il mistero che ha portato nel mondo e ha meditato sulla verità di tutto. Lei è un perfetto esempio di colui che è sopraffatto dalla gloria di Dio, ma ha fiducia che la sua sicurezza è garantita perché Dio è amore che ci perfeziona. Era da questa esperienza che ha benedetto Dio nella casa di Elisabetta; ha benedetto il nome di Dio e ha profetizzato che ogni generazione la chiamerà beata perché Dio ha considerato la sua umiltà (Lc 1, 46-55). Questo corrisponde al Salmo (66) che è un canto di lode e di ringraziamento. In essa, la Chiesa invita i popoli del mondo attraverso di noi, a lodare Dio e perché Dio abita nella lode del Suo popolo (Sal. 22,3), la Sua misericordia e benedizione discenderà su tutti i popoli, le Sue vie saranno conosciute e la Sua salvezza raggiungerà tutti.

Gesù, nato da una donna (Gal 4,4) chiamata Maria, ci dice che “Egli è la via, la verità e la vita: nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Gv 14,6) e “chi ha visto me ha visto il Padre” (Gv 14,9). Quindi, Maria rappresenta per noi colui che è stato redento dalla grazia di colui che è nato sotto la legge. Era nata anche lei sotto la legge, ma non era sotto il giogo e la schiavitù della legge. Pertanto, lo Spirito di Gesù Cristo ha gridato Abba! Padre! nel suo grembo a nome di tutti noi e da questa abbiamo ricevuto grazia su grazia (Gv 1, 16). Pertanto, Gesù è il figlio di Maria. Gesù è Dio. Maria è dunque la madre di Dio. Questa è la nostra celebrazione e in essa, onoriamo Maria a causa di Gesù Cristo, a causa di ciò che Dio ha fatto per lei e attraverso di lei. Adempiamo la sua profezia chiamandola beata. Inoltre, benediciamo il nome di Dio con lei e a sua volta chiediamo a Dio di avere pietà e di benedirci. Come Maria rappresenta la nuova era dell’umanità redenta da Dio attraverso Cristo, così anche noi viviamo questo giorno come il nuovo anno della vita nell’anno di nostro Signore (AD) 2021. In Gesù Cristo il volto del Padre risplende su di noi e se lo ascoltiamo, avremo la pace. Così si compie la prima lettura.

Perciò, all’inizio di quest’anno, siamo chiamati a benedire ed essere benedetti in cambio. Il Verbo incarnato ha reso ancora più potenti le nostre parole. Possiamo benedire e santificare il mondo con le parole delle nostre preghiere e dei nostri gesti quotidiani (Sal. 19, 14). Per questo non c’è preghiera più potente della Santa Messa che il Santo Rosario. Insieme a Maria, possiamo perseverare nel custodire i misteri di Dio nei nostri cuori e vivere ogni giorno portando ovunque la luce di Cristo attraverso le nostre azioni. Questo significa la preghiera, la meditazione, e le opere caritative che crescono da loro. Maria presto ha reso aiuto ad Elisabetta dopo il concepimento di Cristo. Lei è stata benedetta e è andata a benedire gli altri. C’è quindi un’intima connessione tra opere di misericordia o della carità e benedizioni. Abbiamo visto cose terribili l’anno scorso, ma noi che siamo vivi dovremmo lodare il Signore (Sal. 150, 6; Is 38, 19) e nel nome di Gesù Cristo, possiamo essere consolati e benedetti in cambio delle nostre sfortune di quest’anno.

Maria santissima interceda per noi!

Buon anno a tutti!

 

don Anthony