Nutrire Gli Affamati. XVII domenica nel Tempo Ordinario (B) – don Anthony

Il miracolo di nutrire più di cinquemila persone con cinque pani d’orzo e due pesci è l’unico miracolo riportato in tutti e quattro i vangeli. Questo dimostra quanto sia profondamente significativo. Una simile moltiplicazione di alcuni pani di Eliseo nella prima lettura prefigura il vangelo. Il Vangelo riguarda la Santa Eucaristia, il mistero del dono, iniziato da Cristo. Questo invito è centrato e radicato in Cristo e ha due dimensioni. Consiste nell’offrire ciò che è stato ricevuto a Dio in ringraziamento e condividere ciò che è stato benedetto o moltiplicato da Dio all’umanità. La vitalità umana è sostenuta da questo circolo del dare. Gesù è venuto perché abbiamo la vita e l’abbiamo in abbondanza (Gv 10, 10). Siamo chiamati a distribuire e condividere questa vita abbondante.

Potremmo tracciare questo mistero essenziale del dare la vita, opportunamente simboleggiato dalla distribuzione del pane, alimento base, fino all’inizio della creazione. La fame umana di cibo fisico è stata soddisfatta attraverso la fornitura di tutti i tipi di alberi e piante da Dio. Nel giardino dell’Eden, Dio piantò l’albero della vita e l’albero della conoscenza del bene e del male (Gn 2, 9). Ci è stato detto di mangiare il frutto di ogni altro albero. L’albero della vita era incluso perché era destinato a sostenere la “vita”. Ma abbiamo scelto di mangiare dell’albero della conoscenza del bene e del male, che era proibito. Questo ha portato sofferenza e morte. La verità è che eravamo già molto vicini a Dio e se avessimo aderito alle Sue istruzioni, avremmo potuto diventare come Lui già.

Gesù è venuto annunciandosi come il pane della vita. Il pane è il sostentamento umano di base. Spiega che “Io sono il pane vivente, che è disceso dal cielo; se uno mangia di questo pane vivrà in eterno; e il pane che darò è la mia carne, che darò per la vita del mondo.” (Gv 6, 51). Con queste parole, il nostro salvatore ricrea il giardino dell’Eden nell’Eucaristia, cioè in Sé stesso, e ci invita a mangiare alla mensa della vita. Ci sta dicendo che è Lui che avremmo dovuto mangiare fin dall’inizio, per vivere per sempre. Quindi, Cristo è il dono che abbiamo ricevuto da Dio.

Così, nell’Eucaristia, offriamo Cristo a Dio in ringraziamento attraverso i doni del pane e del vino destinati al nostro sostentamento fisico. Attraverso di loro, chiediamo che le nostre capacità di ricevere di nuovo Cristo siano moltiplicate e le nostre inibizioni siano ridotte e rimosse. In cambio, condividiamo ciò che abbiamo ricevuto con il mondo, specialmente con i poveri. Dalla pienezza di Cristo, riceviamo la grazia sulla grazia (Gv 1, 16). Condividendo la grazia che si è moltiplicata in noi, siamo portati a pienezza noi stessi fino a che la nostra stessa essenza diventa vita. Non moriremo più, e tutto ciò che viene a contatto con noi vive anche.

Pertanto, non sorprende che il nostro desiderio di nutrire gli affamati derivi dalla gioia di essere nutriti da Cristo e dal desiderio di essere nutriti da Cristo. Vogliamo essere come Cristo nella sua immortalità. La nostra comunità e la nostra regione sfamano i poveri e vestono gli ignudi. Dobbiamo continuare a trarre ispirazione e coraggio dall’Eucaristia. Non è necessario aspettare di avere tutto. Gesù ha nutrito tanti con il poco che ci è stato dato. Dio è capace di moltiplicare le nostre piccole offerte sincere. I frutti dell’amore sono inestimabili e spontanei.

don Anthony